tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

Elbow

Elbow - The Seldom Seen Kid

Haunting. Non ho mai trovato un vocabolo italiano che sappia tradurre in maniera soddisfacente il significato di haunting. Evocativo non è sufficiente, haunting è qualcosa di più, sembra quasi contenere un’accezione sovrannaturale, che trascende. Qualsiasi concetto riferisca ad haunting, ebbene ciò si adatta perfettamente a The Seldom Seen Kid, nuovo album degli Elbow.
L’aspettativa che ha accompagnato questa uscita era composta da un misto di sensazioni, dall’ovvia speranza di accedere ad un nuova opera d’eccellenza alla Cast Of Thousands alla meno scontata preoccupazione di ritrovarmi di fronte ad un nuovo – parzialmente deludente nella mia valutazione personale – Leaders Of The Free World.
Non c’è pericolo, The Seldom Seen Kid è splendido, in particolare nella sua seconda metà, e contiene quella che sarà una delle ballate più belle di quest’annata: Weather To Fly. Un pezzo per amare chi ci sta di fianco, chi non c’è più e chi ci sarà un domani.
Curiosamente, dopo che il 2007 ha visto una netta prevalenza di produzioni nordamericane con elevata affinità ai miei gusti musicali, questo scorcio di 2008 fa registrare una notevole riscossa da parte delle realizzazioni del Regno Unito, dove Manchester – come previsto – riveste un ruolo di primo piano, dopo I Am Kloot ed Elbow ed in attesa degli adorati Doves…

Weather To Fly mp3

One Day Like This mp3

Grounds For Divorce video:

Annunci

14 Risposte to “Elbow”

  1. Per il sottoscritto già album dell’anno!!!!!!!!!

  2. Bella davvero. Ma non avevo dubbi. Saluti.

  3. Sam, confesso che da stamattina ho smesso di ascoltarlo solamente un paio d’ore, quando non potevo proprio tenere le cuffie sulle orecchie… Mi preoccupano un po’ questi comportamenti compulsivi, ma per adesso lascio correre. ;]

    Ne sono davvero contento Addison, la tua è una conferma importante. :]

  4. li ascolterò lunedi in macchina.
    a proposito. sai chi è nella musica di sottofondo alla pubblicità della lexus is?
    ciau,a.
    (spesso qualche brano si aggancia da qualche parte nella memoria, e libera l’interruttore per amare chi ci sta di fianco, chi non c’è più e chi ci sarà un domani)

  5. Trip-hop francioso Antonio, Wax Taylor feat. Charlotte Savary – Our Dance.
    Proprio così, è un interruttore emotivo molto sensibile…

  6. il mio commento di oggi e’ sparito, beh volevo solo fare ciao ciao con la manina e dire che sono ancora qui. anzi mi appresto a fare un altro big jump anche se non immediato si tratta di decidere cosa fare dopo qs esperienza in NZ
    beh per il momento non lo so 😉
    nel frattempo oggi mi sono ascoltata parecchia della musica di cui parli, avevo proprio voglia di un input e tu sei eccezionale, smack!!

  7. Hint cara, i tuoi saluti dagli antipodi sono sempre preziosi. Apprendo con piacere (semprechè faccia piacere anche a te) che ti appresti a fare un salto all’indietro, magari in questo emisfero, magari in meridiani adiacenti. E’ dovere replicare ed approfondire quella serata al Living con Vou! ;]

    Antonio: trattasi di mera curiosità. Quando ti passano sotto il naso l’istinto è sempre quello di cercare con gli abbondanti mezzi che il web 2.x mette a disposizione…

  8. Io comunque ancora adesso non capisco perchè in diversi non sono stati convinti da LOTFW. Vabbè de gustibus, sono contento di leggere commenti così entusiastici su questo.

  9. Me lo sono chiesto molte volte anch’io, Barto. Magari provo a rivisitarlo oggi, a distanza di un paio d’anni e dopo aver ascoltato The Seldom Seen Kid, non è mai troppo tardi per cambiare idea, se ne vale la pena. ;]

  10. No, non è questo il caso. Trovo ancora oggi Leaders Of The Free World molto meno ispirato degli episodi che l’hanno preceduto e seguito, ciò non significa che sia un brutto album in assoluto. :]

  11. A sto punto potrei provare io a fare un ascolto continuato di tutti i dischi, magari cambio idea io 🙂

  12. Vedo che ti piace “Weather to Fly”: il bello di questo disco è tutti quelli con cui ne ho parlato hanno una canzone preferita differente (la mia al momento è “The Loneliness…”). Se non è un grande disco questo…

    (Sono capitato qui girovagando in cerca di recensioni sull’ultimo disco degli Elbow, ma noto dalla “Tangerine Chart” che in fatto di indie rock abbiamo gusti decisamente simili. 🙂 )

  13. Innanzitutto complimenti per le tue strisce! The Loneliness of a Tower Crane Driver è la mia seconda preferita, in effetti. Proprio ieri mi è arrivata la copia fisica del disco e vi ho trovato una piacevole sorpresa: una dodicesima traccia bonus, seppur breve: We’re Away.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: