tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

…A Toys Orchestra

...A Toys Orchestra - Technicolor Dreams

Nonostante questo sia solo il secondo disco italiano cui dedico un post posso assicurare che non ho alcuna preclusione nei confronti dei gruppi connazionali. I miei preferiti sono, oltre agli …A Toys Orchestra, gli Yuppie Flu, i Giardini Di Mirò ed i Julie’s Haircut e non passerà inosservato il fatto che sono accomunati dal adozione dell’idioma anglosassone per i loro testi. Non è neppure questo fatto una discriminante voluta, ma è innegabile che sia determinante per il raggiungimento del risultato finale di gradevolezza dell’insieme. Una canzone indie in italiano, a mio personalissimo giudizio, suona come un opera lirica cantata in inglese, mi lascia un senso di incongruenza, di inadeguatezza.
Cuckoo Boohoo, l’album precedente degli …A Toys Orchestra, è stato il migliore album italiano del 2004 e grazie a Modern Lucky Man ma soprattutto Peter Pan Syndrome ed al relativo ottimo video, ha ottenuto una discreta visibilità. Il nuovo album Technicolor Dreams, che uscirà lunedì prossimo, ha il difficile compito di consacrare il gruppo campano e, se possibile, garantirne l’affermazione internazionale. Con questo obiettivo Dustin O’Halloran, fondatore dei Devics nonché romagnolo adottivo, è stato investito del ruolo di direttore artistico di questo lavoro, e la sua presenza si sente, eccome, palesandosi anche in diverse tracce guidate dal suo sapiente pianoforte che gli era valso l’apparizione nella colonna sonora di Marie Antoinette. Ed a proposito di OST, ben tre pezzi di Technicolor Dreams accompagneranno The Beautiful Ordinary, una commedia postadolescenziale nordamericana che passerà a breve nelle (loro) sale cinematografiche, tra cui la title track, Amnesy International e Cornice Dance.
L’intensità del disco è vagamente intermittente, ma chiedere agli …A Toys Orchestra di mantenere lo stesso elevato livello delle tracce migliori in tutti i pezzi sarebbe ingeneroso e ritengo che il risultato finale possa essere salutato con soddisfazione ed orgoglio.

Cornice Dance mp3 ringraziando Urtovox

Annunci

11 Risposte to “…A Toys Orchestra”

  1. a proposito di connazionali ti butto lì un nome per sapere se ti piacciono: Offlaga Disco Pax
    musicalmente li adoro e hanno dei testi -parlati- incredbili:)
    p.

  2. Ho ascoltato Socialismo Tascabile con curiosità e mi sono alquanto divertito per i testi, Robespierre su tutti. Mi aveva immediatamente rimandato a Goodbye Lenin, un film splendido e tenero. Detto questo, nonostante la loro stretta collaborazione con i Giardini di Mirò, musicalmente non mi dicono granchè, tanto è vero che non c’è mai stato un secondo ascolto. Ciò non mi impedisce di riconoscerne l’apprezzabile originalità. :]

  3. Mi hai incuriosito… voglio sentire gli A Toys Orchestra. Il nome merita parecchio, spero che la musica sia all’altezza… dagli assaggi che hai messo pare di sì! 😉

    federico
    accentosvedese.blogspot.com

  4. Ne ho sempre sentito parlare ma mai ho approfondito. Mi hai davvero dato una bella dritta.

  5. queste si che sono soddisfazioni! io non vedo l’ora che esca l’album che voglio assolutamente comprare! e non vedo l’ora di beccarli live! 😉 da fan campana! è un dovere!

  6. Non conosco questo gruppo, però la sola presenza di un D.O’H. mi incuriosisce parecchio. i Julie’s l’anno scorso li ho visti 4 volte. E i Miro’sGarden li ho visti 3 settimane fa al vox. Invidiami, come io ti invidierò per gli A.M. che, ahimè, salterò perchè odio i lunedì, sopratutto quelli “lavorativi”. ; )

  7. Lo comprerò certamente anch’io. E’ un doveroso tributo, e se possibile cercherò di vederli live. Nel tuo caso quindi, l’orgoglio è ancor più giustificato! ;]

    Niente Arctic Monkeys neppure per me Cid, per una serie di motivi, non ultimo il fatto che non amo le guerre di religione {musicale}. Beh comunque capisco bene che una trasferta il lunedì sera non sia il massimo della comodità. Per i Bloc Party che è di domenica vieni?

  8. Acc…BlocParty: visti al vox. Risuonano là il giorno prima di milano. Ma sai, non mi entusiasmano, non c’è niente da fare. Nè su supporto nè dal vivo. Pare una bestemmia lo so , che ci vuoi fà… ; ) (ps.: arrivo tardi, ma arrivo…)

  9. No no, nessuna bestemmia, è normale che ci siano dei gruppi/artisti che non prendono. Spero invece di riuscire a ritagliarmi lo spazio per i The Arcade Fire a ferrara l’11 luglio. Sarebbe grandioso.

  10. Grandissimi! Li ho visti dal vivo la sera di Pasqua…mi hanno fatto un’impressione stupefacente…il batterista è una macchina e ha una potenza incredibile, poi gli altri si scambiano continuamente gli strumenti senza scemare la qualità musicale…qualche canzone risente troppo dell’influenza Beatlesiana, ma nel complesso sono grandi…Ciao

  11. Il concerto al Rising South di napoli il 4 aprile non è stato bello…di più! li ho pure conosciuti…troppo simpatici e ancora umili! grandissimi!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: