tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

The Fratellis @ Rolling Stone – Milano

A volte c’è qualcuno che sceglie per te, e tu non puoi fare altro che adeguarti, perché sai che se certe cose accadono, lo fanno seguendo un filo predesignato che ti porterà alla destinazione a te ignota al momento della partenza, in rispetto del karma, ma non nell’accezione newage del termine, semplicemente in accordo con la fondamentale legge della causa/effetto.
Perché in una sera in cui si offre la scelta tra The Datsuns, Yuppie Flu acustici e The Fratellis, o l’alternativa sempre prioritaria della tranquillità casalinga in una settimana lavorativa che ti ha spremuto come un limone, se uno dei tuoi wingman da concerto preferiti ti chiama offrendoti un accredito per assistere all’esibizione degli scozzesi, pare chiaro cosa abbiano deciso le forze superiori di cui sopra.
E non è detto che la componente musicale sia quella che contraddistinguerà la serata, perché se Costello Music non l’hai ascoltato granché e i pezzi dei The Fratellis sono passati più che altro grazie alle varie playlist, un motivo ci sarà. Non erano bastate le raccomandazioni di Kapranos ed il glamour costruito attorno al terzetto glasgowiano, per fare breccia nelle mie orecchie e sebbene non mi dispiacessero affatto, non avevo aperto loro le porte dell’affezione. L’esibizione mi ha aiutato a fornirmi esaurienti risposte riguardo il perché, e dopo quanto espresso da Viridian e Bartolone, penso non ci sia molto da aggiungere.
Jon mi è anche simpatico, per carità, ma come ha segnalato Mist (lui pure simpaticissimo e con il quale condivido una smodata passione per i The National), non è che il pubblico si accontenti della buona attitudine a fronte dell’esborso di una banconota blu.
Ma la musica non è solo un insieme di note, rumori ed armonie. Ormai lo sappiamo bene: c’è l’effetto aggregante, la condivisione delle emozioni, il pretesto per dare uno scossone al grigiore di certe nostre giornate. E sotto questo profilo ieri sera il successo è stato enorme, dal rinnovare i contatti con gli habitué, al conoscere nuove promettentissime realtà. Se poi si rivelano meno nuove di quello che si possa immaginare, possiamo solo avere una conferma che questo ambito – tra blog e comunità tipo last.fm – è più ristretto e delimitato di quello che ci si aspetta, e ciò non dispiace affatto, anzi.
E sotto questo profilo, anche canzoni suonate approssimativamente e deprivate del fascino conferito da una produzione che – evidentemente – ha ingigantito i loro meriti possono risultare piacevoli e ti stimolano un sorriso. Penso ad Henrietta che ha aperto il set, a Got Ma Nuts From A Hippy ed alla conclusiva Ooh La La, cover della canzone della fascinosa Alison Goldfrapp, a sua volta ispirata a Spirit In The Sky, di Norman Greenbaum.

Annunci

7 Risposte to “The Fratellis @ Rolling Stone – Milano”

  1. Comunque dopo aver letto tutti i nostri post sul concerto, sono dell’idea che se li raggruppassimo uscirebbe la miglior recensione di sempre

  2. io sono il solito ritardatario, con una recensione ancora impantanata tra le bozze gmail!

    ad ogni modo, sono ancora combattuto per il fatto di essere uscito tanto soddisfatto nonostante i fatti mi urlassero tutt’altro! è vero, conta pure l’atmosfera!

    ma sai che ero convinto che la goldfrapp si fosse “ispirata” più a on the road again?

  3. 5½ dal punto di vista musicale e 6½ per l’atmosfera, appunto. Il pubblico era sufficientemente coinvolto e non c’è stato alcuna manifestazione palese di disappunto.

    Cru7do, grazie infinite ancora. La tua sarà certamente la più completa, immagini comprese e soliti rilievi esilaranti.

    Barto e Vi: 🙂

  4. Ottima rece. A conferma di quanto racconti di Mist, sul suo blog ha detto che il concerto gli ha letteralmente fatto cagare!
    😀

  5. No ma l’avete sentito il gruppo supporter???Sono fantastici!!!Mi sono piaciuti da morire!!!Mi sembra si chiamino The Teachers!!!
    Cmq complimenti x l’intervento!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: