tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

The Good, The Bad & The Queen

The Good, The Bad & The Queen - S/T

Mi rendo conto che è stucchevole, oggi 11 gennaio, parlare di uno dei migliori dischi del 2007. Però sono a disposizione di chiunque per una scommessa: ci ritroveremo tra dodici mesi e vedremo in quante classifiche comparirà The Good, The Bad & The Queen, eponimo album della superband creata da Damon Albarn, Paul Simonon, Simon Tong e Tony Allen. Che Damon Albarn abbia vinto la guerra di talento del britpop penso sia fuori discussione, con buona pace dei Gallagher. Quello che stupisce è l’eclettismo e la capacità di rimescolare formazioni e gruppi, dai Blur ai Gorillaz, sino a questa creatura da bioingegneria musicale, pescando il bassista dei Clash ed il chitarrista dei The Verve. Non ho mai avuto dubbi che fosse l’ennesimo successo di colui che condivide la città natale con Alfred Hitchcock, e già la title track presentata tempo fa da Wildside forniva ampie garanzie. Ed infatti l’album è una pietra preziosa perfettamente intagliata, dalle svariate sfaccettature che forniscono riflessi scintillanti, che la mia limitata preparazione fatica a cogliere nella loro compiutezza. Da Morricone (come era facile prevedere visto il nome della band) al punk, dal word beat al rock di stampo Kinks. Ma forse è più saggio tacere, e lasciare che a descrivere TGTBATQ siano firme più competenti, o meglio ancora, le vostre percezioni uditive.

Kingdom Of Doom mp3

Green Fields mp3

Annunci

12 Risposte to “The Good, The Bad & The Queen”

  1. Albarn è uno che le “cose” le fiuta con grande furbizia e anticipo. Sa come muoversi e, soprattutto, come scrivere una canzone.

  2. Non c’è nulla di stucchevole. Questo sarà uno dei migliori dischi del 2007. Hai perfettamente ragione.
    Non me la sento di dire il migliore come sostenni a gennaio dell’anno scorso con gli Arctic ma uno dei migliori.

  3. Sarà che Albarn mi è sempre stato antipatico. Sarà la “bioingegneria musicale” che trovo poco attraente. E per una volta non siamo d’accordo… ; )

  4. FI-NAL-MEN-TE
    ps: se alcune voci (parlano di un ragazzo con gli occhiali) che in questi giorni rimbalzano in giro si riveleranno attendibili, quest’anno damon mi farà un doppio regalo. che uomo, che uomo…

  5. Wild credo siano attendibili. Roba che sto già godendo come un grillo.

  6. Sì Antò, avevamo letto dei propositi di Blurreunion, e dicevamo chez Blutarsky: è uno dei pochi dischi che si potrebbe comprare al buio… (insieme a Gomez, Supergrass e Super Furry Animals).

    Cid, sarebbe preoccupante se fossimo sempre sintonizzati! E’ una giusta devianza ;]

    Onan, a volte l’entusiasmo iniziale in effetti distorce un po’ la visione, ma non credo sia questo il caso.

  7. No, no. Io sono uno di quelli che a fine anno era ancor più convinto che il disco degli Arctic Monkeys fosse senza dubbio il migliore del 2006.

  8. vedremo: sono uno di quelli che a supergruppi è ancora fermo a crosby, stills nash & young.

  9. Sì Sì, Onan, avevo capito che il tuo giudizio era rimasto inalterato. Mi riferivo ad altri casi, che invece mi riguardano direttamente. :]

  10. Finora ne ho letto solo un gran bene però ancora non sono riuscito ad ascoltarlo, tutto questo entusiasmo un po’ mi spaventa però, ho paura di ascoltarlo prevenuto (positivamente) e rimanere deluso … inizio da questo mp3 se ancora disponibile e poi si vedrà

  11. Immagino siano “scaduti”, te li posto in gmail.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: