tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

Idlewild

Idlewild - Make Another World

Warnings/Promises è stata una delle maggiori delusioni del 2004, ma ciò non mi ha impedito di amare Love Steals Us From Loneliness, quasi inspiegabilmente perché si tratta di una canzone piuttosto povera di contenuti ma, a quanto pare, infettiva. Ben altro spessore aveva The Remote Part, pubblicato due anni prima e contenente due tracce entrate in una moltitudine di compilations: You Held The World In Your Harms ed American English. Non che ciò fosse bastato alla band scozzese per uscire dal limbo della seconda scelta, perché la loro musica ha sempre dato l’impressione di essere di seconda mano, a cavallo tra i R.E.M., specie nel modo di cantare del frontman Roddy Woomble che sembra talvolta imitare Michael Stipe, e i The Smiths, con l’aggravante di testi spesso lacunosi ed un po’ semplicistici.
Eppure. Eppure ho sempre provato simpatia per gli Idlewild, certamente più di quanto i loro effettivi meriti artistici avrebbe reso lecito. Aspettavo quindi l’annunciato nuovo disco, Make Another World, con curiosità ed impazienza, volevo concedere una prova d’appello prima di considerare bollito il gruppo di Edimburgo.
Già prima di arrivare all’apice del disco, costituito dal convincente ed energico singolo If It Takes You Home, ho intuito che, pur rimanendo inevitabilmente invalicabili i limiti strutturali della band, la verve era tornata ad essere quella dei giorni migliori. Non riesco a valutare quanto abbia inciso l’ingresso di un nuovo bassista (Gareth Russell), ma più probabilmente è l’ispirazione di Woomble ad aver giocato un ruolo predominante, forse anche aiutato dall’aver precedentemente convogliato verso il disco pubblicato in veste solitaria nell’estate scorsa (My Secret Is My Silence) la componente più morbida e folk del suo scrivere musica, riservando agli Idlewild il suono più ruvido e movimentato per il quale sono stati apprezzati in passato.

Everything (As It Moves) mp3

If It Takes You Home mp3 / video

Annunci

7 Risposte to “Idlewild”

  1. Secondo me – te lo dico senza ancora avere ascoltato il disco, quindi vale quel che vale – è perché hanno cambiato etichetta e sono tornati con i piedi per terra.

  2. A me sono piaciuti i primi lavori degli Idle, poi l’ultimo non l’ho proprio considerato. Ma questo promette bene…. X i TRAIL : ASSOLUTAMENTE SI’ !!!!!! Non vedo gia’ l’ora…..

  3. Già Bluto, ed anche il produttore, che è tornato ad essere quello di 100 Broken Windows e The Remote Part.

    Ottimo Cid, tengo le dita incrociate per evitare qualche improvvido impiccio lavorativo per quel fine settimana!

  4. per sempre nel mio cuore. e nel mio stereo. di solito promesse fa rima con delusione, ma le eccezioni esistono… Love Steals Us From Loneliness, You Held The World In Your Harms ed American English mi pare di conoscerle bene grazie a un certo mio pusher.poi se vuoi che stia bene bene, ecco, le prime due del post di malcom middleton. che poi, visto ultimo concerto degli arab a to, ero con alelale e a parte l’ubriachezza soporifera, oh, the last romance. che titolo profetico. per tutti, dico.)

  5. Consegna effettuata. E come hai ragione sulle promesse… ;]

    The loudest sound is silence, verrebbe da dire, Ladrorchidea. :]

  6. dopo qualche ascolto lo dico con la morte nel cuore, con i primi tre album originali nella mia collezione, e con 100 broken windows che ha significato non sai quanto in un periodo delicato della mia vita… questi mi sa che ce li siamo giocati. ahime.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: