tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

The Dears @ Transilvania Live, Milano – 9 novembre 2006

Non bisognerebbe fare paragoni tra il concerto dei The Killers e quello dei The Dears, perché le realtà dei due gruppi sono incredibilmente distanti, pur restando entrambe nell’ambito dell’ormai sconfinata galassia dell’indie rock. Ma la consecutività in uno strettissimo lasso temporale lo rende inevitabile, e allora appare immediatamente evidente, in tutta la sua ingiustizia, l’opposto risultato in termini di audience. Da un sold out con bagarini ad uno sparuto – ma caldo – gruppo di aficionados (di cui molti sono inclusi nella lista dei blog pals lì a sinistra o nei friends di Last.fm). L’intrinseco valore artistico dei The Dears, e cerco con tutte le mie forze di essere oggettivo, non merita di essere calpestato in questo modo.
Esiste però un rovescio della medaglia di questo scempio, ovvero quello di potersi comodamente appoggiare alla balaustra davanti al palco, proprio di fronte alla fascinosa tastierista/flautista Valerie, senza nemmeno avere la calca attorno, seguire il concerto senza fare lo sforzo di ricordarsi le canzoni, anche quelle meno ricorrenti, tanto basta lanciare un’occhiata alla setlist di Murray, applicata sulla sua pedaliera ad un metro di distanza, e naturalmente soprattutto la sensazione di sentirsi “in mezzo” al gruppo. Sarà per questo, sarà che i The Dears suonano un genere di musica che si avvicina molto alla mia ideale (come ampiamente riportato scrivendo a riguardo del nuovo album Gang Of Losers), sta di fatto che posso considerare il concerto di ieri sera uno di quelli che ricorderò a lungo con smisurato piacere.
E non è neanche bastato il giallo dei mancati bis (probabilmente a causa di una crisi dell’altra tastierista Natalia  – nonché moglie di Murray – che ha lasciato il palco piangendo) e nemmeno la scarsa amplificazione della voce ad incrinare questa convinzione. Nel dettaglio sono rimasto impressionato dalla sezione ritmica in Whites Only Party, dalla coralità di 22: The Death Of All The Romance e dallo sguardo perso di Valerie. Avrei ascoltato volentieri la quasi strumentale Postcard From Purgatory, ma rappresenterà un valido motivo per tornare a vederli alla prossima occasione, quando magari la cornice di pubblico sarà numericamente consona al livello del gruppo.
La setlist è la seguente, ed è precisa perché ne custodisco una copia, che trascrivo con i nomi in codice delle canzoni:

Sinthtro
Ticket
Bandwagoneers
Whites Only
Death Or Life
Plot
Second Part
Die
Have It
22
Fear
You and I
Outfit
Mountains

(Purgatory)
(Deep)

Annunci

6 Risposte to “The Dears @ Transilvania Live, Milano – 9 novembre 2006”

  1. caspita che peccato… immagino le probabilità che avrà l’italia di essere inclusa nel prossimo tour.

  2. Davvero Antonio, non si capisce proprio come si possa piazzare una data così, a ridosso di un’altra che inevitabilmente funge da “buco nero”, e in più con una promozione pressochè inesistente.
    Aggiungo che mi è mancata anche Ballad Of Humankindness.

  3. che bella, la sto ascoltando proprio ora.
    comunque il perchè i dears non vendono milioni di copie, con gli ultimi due dischi che si ritrovano, è forse uno dei più grandi misteri della discografia contemporanea.

  4. Bravi sono bravi, non si discute. Però non mi hanno mai trasmesso quel qualcosa che – probabilmente – hanno trasmesso a te e a tutti gli altri cui questo gruppo piace assai. Va da sé, comunque, che una simile compagine musicale meriterebbe concerti di ben altro spessore (e in ben altri locali, cacchio). Blutarsky

  5. Ah, ma allora i bis avrebbero dovuto esserci veramente…
    Curioso il fatto che abbiano chiamato “Mountains” la canzone “Hate Then Love”… e “Die” la canzone “Never Destroy Us”.
    Comunque è sempre un piacere incontrarti…hai goduto davanti alla tv domenica sera? Io al Forum tantissimo, e oggi di più 😉

  6. Anch’io mi sono arrovellato al riguardo Barto. Per Mountains pensavo al sù e giù. E Die è nella frase che urlano alla fine del pezzo? Il piacere è ovviamente mio. No, domenica c’era un evento concomitante, ma oggi cos’è successo?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: