tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

Remember, remember the 5th of November

V For Vendetta - Original Sound Track

Esplosivo e bellissimo. Ma esplosivo non tanto per merito degli effetti speciali, quanto nelle idee. Essenzialmente le idee di Alan Moore, il creatore di V, che pure ha disconosciuto questa pellicola come esaurientemente spiega Salvatore in questo post. Viverlo attarverso le emozioni di chi ti sta a fianco, che non ha idea dello svolgimento della trama, registrando le variazioni delle sue pulsazioni, i suoi sussulti, le sue contrazioni, e qualche sospiro sospetto. Rinnovare l’ammirazione per Stephen Rea, nata con la visione de La Moglie del Soldato, e da allora purtoppo confinato in pellicole di secondo livello, a parte una piccola parte in Fever Pitch (Febbre a 90). Un paio di brani dalla OST, che non comprente Street Fighting Man degli Stones che pure accompagna adeguatamente i titoli di coda:

Cat Power – I Found A Reason mp3
Cover della canzone scritta da Lou Reed – Velvet Underground inclusa in Loaded (1970)

Dario Marianelli – Knives And Bullets (And Cannons Too) mp3
Original score della scena finale

Annunci

13 Risposte to “Remember, remember the 5th of November”

  1. Lo danno al cinema sotto casa mia. Credo che dopo The Costant Gardener andrò a vedermelo. Ah, una scuola del genere avrei voluto frequentarla anche io. Saluti. Blutarksy

  2. Ciao! Come da prassi, ogni volta che acquisto uno sci mi rivolgo a te… che ne dici di questi?

    Li ho acquistati usati (credo due volte, a giudicare da fondo e lamine) completi di attacco rotfella cobra da telemark a 400 euro… mi fanno troppo ridere… sono così… ROSA!

  3. Direi che hai fatto un affare Francesca se sono usati così poco. A me (forse te l’avevo già detto) i K2 sono sempre piaciuti e ho sentito parlare bene di questi T nine ancora più phat del solito (dai 5 ai 6 mm). I Cobra sono una garanzia, sono gli R6 o gli R4? Andate a Livigno in aprile per la Skieda?
    A proposito del ROSA :], mi hanno fatto venire in mente la copertina di In The Land Of Gray And Pink dei Caravan (che di certo non manca a SerJ), forse la più bella di sempre.

  4. Gli sci sono perfetti, fortunatamente… pensa che i miei da pista sono mooolto più massacrati… gli attacchi sono gli R6, con tanto di piastrone…
    Per la Skieda sto facendo da giorni opera di convincimento su SJ, credo che vincerò… ci sei anche tu? :))
    Ora vado subito nella library di SJ a vedere se trovo i Caravan e la canzone che mi hai indicato (non la conosco ma potrebbe diventare il mio mantra…)

    Grazie, aspettavo la tua risposta con ansia!

  5. ops, non è la canzone, è l’album!

  6. Essendo gli attacchi R6 è a maggior ragione un ottimo investimento. Avrei dovuto esserci perchè tra l’altro la sponsorizziamo con un marchio, ma figurati se non si sovrapponeva qualche altro inderogabile impegno?I Caravan sono progressive / art-rock degli anni settanta, il disco è infatti del 1971, mi sembrava di ricordare che SJ apprezzasse il genere. La copertina è questa:

  7. Devi sapere che me li ha venduti la morosa di tale Mark Tszien (che è una specie di drago americano del telemark): lei ha appena cominciato e si è presa un paio di atomic molto più piste (che si dice pist e non paist come pensavo io, ‘cidenti)

  8. Allora da dove cominciare?

    Colonna sonora… la ritiro stasera.

    Film: sono entrato al cinema quasi incazzato pronto a smontare il film, con una serie di pregiudizi mostruosi, aspettando l’ennesima offesa verso Alan Moore… invece …
    Certo il film è diverso dal fumetto e non potrebbe essere che così. E’ un altro linguaggio, in questo caso popolare più del fumetto. Ma funziona.

    Alcune scelte sono discutibili, certo. Ma si fa vedere e il tempo scorre senza la voglia di guardare l’orologio …

    Insomma mi è piaciuto alla faccia dei pregiudizi e del mio avatar :))

    ciao

    ps
    Forse stasera vado a rivederlo 🙂

  9. Ruckert, il fatto che sia piaciuto anche a te, seguace di Moore da tempo, è ulteriore ed autorevole conferma della Validità. Anche a distanza di una settimana persiste la soddisfazione della Visione. Non tornerò in sala, ma in DivX lo rivedrò certamente presto, magari in inglese per apprezzare la recitazione di Hugo Weaving e l’accento “erratico” di Natalia Portman… :]

  10. Domani – se l’umore post Inter sarà decente – conto di andare a vederlo. Ti sembrerà impossibile, ma ho più aspettative che per il film di Moretti…
    A proposito, vedo che la tua memoria risale ai Caravan del ’71: ma quanti anni hai? (Io 46)

  11. Penso che l’umore ti consentirà di andare in sala stasera…
    Io ne ho 41, ho conosciuto i Caravan alla fine degli anni ’70, durante l’adolescenza, insieme agli altri mostri sacri del progressive (oltre alle altre varie sfumature del rock), grazie al mio mentore musicale che non ringrazierò mai abbastanza.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: