tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

Editors & Gliss @ Rolling Stone – Milano

Arriviamo quando il primo gruppo di supporto, gli Archie Bronson Outfit, intervistati da Barto nel pomeriggio, stanno eseguendo la loro ultima canzone, non sembrano male, meriteranno un futuro ascolto. Alle 21:30 si presentano i Gliss con la title track del loro EP Kick In Your Heart. Sono un terzetto di Los Angeles, che suona un rock che si posiziona tra gli Interpol e i The White Stripes, con la particolarità che i tre componenti si avvicendano alle varie sezioni, e con la presenza femminile Victoria che si alterna tra batteria e basso, oltre che ad essere la seconda voce. A Barto hanno fatto una impressione negativa, ma a noi invece non sono dispiaciuti affatto, anche se è vero che i testi sono praticamente non intelligibili in quanto sussurrati, quasi strozzati. Ma il suono coinvolge, pur senza esaltare, tanto basta per convincersi a richiedere il cd direttamente a Victoria dopo il concerto. Insomma, che fosse una serata nata sotto i migliori auspici lo si era intuito, ed alle 22:25 quando i quattro di Birmingham hanno finalmente fatto ingresso sul palco si è potuto constatare che il primo concerto del 2006 sarebbe stato di totale soddisfazione.
Tom e soci ci hanno dato dentro, sono stati convincenti, ispirati, a loro agio, fornendo una prestazione nell’arco dei 12 brani che ha decisamente ecceduto le aspettative. 
A trarne maggior giovamento sono stati i brani che nell’album risultavano in minore evidenza, se non addirittura uno relegato nel secondo CD di “scarti” intitolato Cuttings che era disponibile in una versione speciale di The Back Room, ovvero il pezzo You Are Fading che è risultato a mio avviso il migliore della sessione, con una progressione superlativa che la registrazione da studio non lasciava presagire. Ovviamente i convenuti al Rolling Stone si sono scaldati in particolare per i pezzi più conosciuti, da Lights a Blood, ma soprattutto per Bullets e Munich. Ma, come detto, le esecuzioni dei pezzi minori, come anche Open Your Arms, sono state quelle più apprezzabili, che hanno fornito un impatto decisamente migliorativo rispetto alle versioni in studio.

La scaletta completa è stata la seguente:
Lights
Blood
All Sparks
Fall
Bullets
Find Yourself A Safe Place*
Camera
You Are Fading**
Munich
Open Your Arms
________________
Weight***
Fingers In The Factories

*B-side di Munich
**Brano incluso in Cuttings
***Inedito

Annunci

Una Risposta to “Editors & Gliss @ Rolling Stone – Milano”

  1. anche a me i Gliss sono piaciuti un sacco…

    peccato mancasse Forest fire..


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: