tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

The Elected

The Elected - Sun, Sun, Sun

"Should we turn our tails and flee, or should we just sit tight and breathe deep?" Si domanda Blacke Sennett in Fireflies In A Steel Mill, la canzone più bella di Sun, Sun, Sun, secondo album dei The Elected, progetto parallelo del chitarrista dei Rilo Kiley. Atmosfera alla Elliott Smith in alcuni brani, tra cui questo. Un disco morbido, indie lo-fi, ideale per stemperare la tensione accumulata in una settimana impervia ed infida.
Immagino che Sennett abbia optato per la prima soluzione, mentre io, come da tradizione, tenterò con la seconda opzione.
La band è un quartetto con sede a Los Angeles; il disco esce ufficialmente lunedì.

Not Going Home mp3

Annunci

12 Risposte to “The Elected”

  1. Che bello leggere di cose che si stanno ascoltando. Ancora non ho un’opinione precisa, troppi pochi ascolti, più avanti ti dirò.

  2. Quindi ho inutilmente appesantito l’ultima mail con un allegato di cui -evidentemente – già disponi.
    Perdonami 🙂

  3. bella segnalazione come sempre, dopo mi sento l’mp3. Nel mentre te ne lascio una anche io. So che è appena uscito il disco di liz durrett e pare che sia una chicca. Ciao 🙂

  4. Sai che non mi ero accorta che mi avevi inviato la canzone? 🙂 Mi ha fatto comunque piacere riceverla, sai che ascolto sempre quello che mi mandi!

  5. Ciao Ruckert! Il tuo avatar è di gran lunga il più bello che abbia mai visto ed aspetto con impazienza V for Vendetta sul grande schermo… ;]
    Bellissime canzoni quelle di Liz Durrett, la sto ascoltando sul suo sito, dove c’è Cup On The Counter in streaming e The Mezzanine come download libero. Grande segnalazione!

  6. ogni volta che passo di qua mi sento di un’ignoranza paurosa.
    però ci passo, eh. (abbracci)

  7. thx monterey 🙂
    hai sentito quant’è bella somewhere? un vero gioiello. Mi sto ascoltando l’mp3 che hai indicato, non male davvero, da tenere in considerazione. Comunque è vero che si sente Elliott Smith, un pregio. Ciao 🙂

  8. Monte sei sempre sul pezzo. Magico. Mi dai consigli davvero utili. Ciddu

  9. rilo kiley j’adore.
    lei è pure un fiorellino.

    saluti cari, passavo…

  10. ma e’ frustrantissimo. Mai una volta che li conosca, ecco apparte rare eccezioni…
    Adesso mi documento 🙂

    L.

  11. Davvero Ruckert, anche Somewhere è una gemma. Grazie per la segnalazione, l’avrei certamente persa… 🙂

    Marcello, la condivisone è l’unico scopo di questo spazio. Io ti seguo sempre su MB, continua così!

    Davvero Velvetsun, Portion For Foxes non mi abbandona mai, e quando sento quella voce non posso fare a meno di richiamare alla memoria qualche immagine di Jenny con il suo abbigliamento così twee!

    Ghillo, non è il caso di frustrarsi 🙂 se penso a tutti i gruppi di cui non riuscirò mai ad ascoltare nulla. A volte è il caso che ne fa uscire uno dal mazzo…

    Grande Ivan, che bello anche spotthedifference!!! Bellissima, come sempre, l’analisi di Salvatore. Ma anche Barto su MusicBoom aveva scritto una bella recensione di Motion Sickness, che ho visto solo ieri!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: