tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

We Are Scientists

We Are Scientists - With Love And Squalor

Oh no! Un altro nuovo gruppo post-something ed art-qualcosa! Ma se è vero che, come ci rimproverano, noi indie-kids (hem, va bene io al massimo mi posso definire indie-dad) siamo alla perenne ricerca della next big thing – come fosse una sorta di sacro graal -, perché non lasciare un po’ di spazio a questo trio newyorkese di fianco a Editors (con loro recentemente in tour), The Departure, Art-Brut e The Rakes? E se anche i We Are Scientists non si possono davvero definire big, al limite quite-large, di sicuro meritano rispetto per il loro approccio piuttosto scanzonato ed irriverente, ed il loro singolo Nobody Moves, Nobody Get Hurt che da qualche tempo circola su XFM è una di quelle canzoncine adesive un po’ funky, che si attaccano e non ti mollano per parecchio, complice anche il passaggio “My body is your body? If you wanna use my body go for it” che si presta a diventare un motto (non prima di aver prestato molta attenzione a chi si trova la nostro fianco).
Il resto dell’album di esordio With Love And Squalor, che verrà pubblicato il 17 ottobre, si mantiene su un livello più che discreto che evidenzia uno stile piuttosto peculiare in cui i tre strumenti (chitarra-basso-batteria) seguono linee distinte, prive di sovrapposizioni. Certamente il secondo singolo The Great Escape, è un altro brano da tenere in evidenza.

Nobody Move, Nobody Get Hurt | streaming | video |
The Great Escape | video |
Inaction | mp3 |

Annunci

11 Risposte to “We Are Scientists”

  1. Ne avevo sentito parlare. Approfondirò volentieri. Già che ci sono ti consiglio, sempre che tu non sia già sulla notizia, i Dr.Dog di Philadelphia. Indie lo-fi di qualità. Ciddu

  2. ma posso essere anche io una indie kid? 😉 io mi sogno già da adesso il conc dei ff….:)

  3. No Ciddu, non ne avevo sentito parlare sinora, per cui mi metto sulle loro tracce!
    Album degli Starsailor stre-pi-to-so (per noi che li amiamo)! :]

    Certo Lelì che ti puoi definire indie-kid, perchè non dovresti? ;] Ti dirò, al momento sogno, se non altro per una questione di prossimità temporale, quello degli Eels + archi al conservatorio (sabato 8 ottobre), ed in seconda battuta quello dei dEUS+Amusement Parks al Rolling Stone, tenedo le dita incrociate che non mi capiti qualche sóla lavorativa in sovrapposizione. Ma ora del 17 dicembre farò in tempo a calarmi nel clima FF, non dubitare!

  4. in effetti i due singoli sono davvero dei gran pezzoni, quelli che ti fanno subito mangiare le mani per il fatto di non essere un diggei andeggraund. 🙂
    poi quando quando ho letto “the great escape” mi è sceso subito uno strano brividino sulla schiena.

  5. Brividone. Ciddu

  6. Anch’io davanti a quel titolo non ho potuto fare a meno di pensare alla copertina con il tuffo dal motoscafo. E automaticamente è partita Charmless Man. Davvero siamo così prevedibili? ;P

  7. mi aggiungo. si. (sarà prerogativa dei indie -kids…però adesso la devo smettere con questo termine!)

  8. Non mi sembra male Nobody Moves ad un primo ascolto , ma la cosa che ha destato la mia curiosità è la copertina . Lo sò sono paranoica , ma quando vedo i gatti i pochi neuroni rimasti vanno in brodo di giuggiole . Mi spiace che io i FF li vedrò a Bologna , sennò avrei colto l’occasione per conoscerti di persona!

  9. – scusa ste’ ma tu degli starsailor hai il cd completo (11 tracce)? io per ora ne ho trovate solo 9.
    – ad un primo ascolto devo dire che non mi è dispiaciuto per niente. in molti passaggi mi ricordano gli u2 quando erano ancora vivi. non quelli che cercano di scimmiottare i coldplay ora.

  10. Immaginavo DarkofMatinee (sei tu vero?) che ti avrebbe potuto piacere quella cover, conoscendo la tua passione per i felini :] (che è certamente condivisa anche da Scattofelino)
    Già, peccato che non riusciamo a sfruttare quest’occasione, che sarebbe stata perfetta anche come ambientazione!

    No Antò, ho anch’io le nove tracce, il singolo + le otto dalla 4 alla 11, mi mancano quindi Counterfeit Life e In My Blood. Tra l’altro sono ad un volume piuttosto basso, ed avevano i tag MP3 con i titoli tutti errati. Giuro che ho pensato anch’io a certi passaggi di Bono e soci, non fosse che per il coretto di un brano che è mooolto sospetto! Contento comunque che ti sia piaciuto, almeno un po’, tu che non sei mai stato un loro sostenitore. 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: