tangerineshade
"Are You a mod or a rocker? I'm a rod!"

Echo & The Bunnymen

Echo & The Bunnymen - Siberia

In occasione delle varie riunioni internazionali i compagni di conversazione preferiti sono quasi sempre i colleghi inglesi. Due sono gli argomenti a presa rapida: la Premiership e la musica. Ho sempre seguito il campionato inglese, anche prima che tornasse ai recenti fasti con MAN U, Arsenal e Chelsea, e proprio grazie a uno di questi colleghi, David (diventato poi amico e con il quale mi mantengo in contatto anche dopo che la sua strada lavorativa ha intrapreso un altro percorso), ho potuto vivere in prima persona la magia dell’Highbury e diventare un Gunner aggregato prima ancora che Nick Hornby facesse opera di persuasione grazie a Fever Pitch (tradotto per l’Italia in Febbre a 90). In seguito, analogamente, ho dovuto includere anche il Leeds United e Manchester City all’elenco delle squadre da seguire con simpatia, e per contro sono riuscito ad ottenere dei fiancheggiatori nerazzurri oltremanica. Essendo loro dei gentlemen, non mi hanno mai rinfacciato il fatto che tale propensione indotta si sia rivelata piuttosto avara di soddisfazioni. Di solito, comunque, esaurito l’argomento calcistico che prevede la rassegna dei relativi campionati, delle varie coppe nonché dell’attività delle nazionali (aspetto questo che è ben più rilevante per gli anglosassoni), si passa – finalmente – all’argomento musica. Non ci si può logicamente aspettare una perfetta conoscenza delle più recenti realtà musicali, ma non è difficile trovare un terreno comune su periodi più lontani, dai classici al britpop degli anni novanta. Un fatto che mi ha sempre molto sorpreso è che spessissimo gli Echo & The Bunnymen fossero da loro inclusi nel novero dei più grandi. Intendiamoci, anch’io ho sempre tenuto in grande considerazione questo gruppo che si è manifestato negli ’80 proprio quando il mio grado di attenzione verso la musica andava crescendo, però non ho mai guardato a loro come un gruppo di culto.
L’anno scorso – sebbene il film fosse del 2001 – ci ha pensato Donnie Darko a rispolverare The Killing Moon, e se non mi ricordo male il regista nonché sceneggiatore Richard Kelly* aveva scientemente selezionato il brano che fungeva da introduzione nelle prime scene in quanto gli Echo & The Bunnymen sono il suo gruppo preferito (che il fantomatico coniglio gigante abbia anche un riferimento al nome del gruppo?).
Tutte queste – inutili – parole per introdurre il nuovo disco Siberia, quando per descriverlo basta davvero poco: è splendido. Unanimi i commenti che considerano questo lavoro pari a quelli più riusciti dal gruppo di Liverpool negli anni d’oro, in particolare Heaven Up Here che, guarda caso, vanta lo stesso produttore. La voce ed i testi di Ian McCulloch sono distintivi e pari alla loro fama, ma la chitarra di Will Sergeant è ciò che contribuisce in maniera risolutiva a far arrivare questi suoni direttamente ai lobi temporali con conseguente sensibilizzazione epidermica. Essendo tutti i brani egualmente validi, indicare i pezzi più significativi appare riduttivo, ma se non vi fidate provate con le prime due, Stormy Weather (che sarà il singolo – scaricabile qui) e All Because Of You Days, oppure con la settima, Everything Kills You. 4,3 su 5,0

* Richard Kelly è anche lo sceneggiatore di una delle pellicole che attendo con maggior aspettativa tra le prossime uscite: Domino, diretto da Tony Scott ed interpretato da una sempre più esagerata Keira Knightley.

Annunci

4 Risposte to “Echo & The Bunnymen”

  1. ..è uscito???
    lo stavo aspettando…
    sono molto “inglese” nei loro confronti!…;)

    ma sei passato ai giudizi (splendido)che manca il voto???

  2. Mi ricordavo, Elena! ;]
    Esce lunedì prossimo. Mi sono un po’ intimidito coi voti (anche perchè quando mi capita di rileggerli a distanza di tempo spesso li vorrei cambiare), ma hai ragione, è più intuitivo, adesso lo aggiungo.

  3. p.s. a volte mi sento davvero ignorante!!!!buona giornata

  4. Anch’io non ho mai avuto un’opinione straordinaria degli Echo… Ma mi hai fatto venir voglia di riascoltarli.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: